Vai al contenuto pricipale

Le monete alternative tra diritto, sovranità e tutela del consumatore

Alternative currencies: law, sovereignty and consumer rights

Type
Ordinary projects
Research program
Contributi ordinari 2017
Funding agency
Fondazione CRT
Coordinator
Prof. Annamaria Viterbo

Project participants

Project description

upload_bit.jpg

  • Abstract:

Il progetto di ricerca intende, come primo obiettivo, offrire una mappatura aggiornata di quelle sperimentazioni di valute che, anche a livello locale, sfidano il principio della sovranità monetaria.

La mappatura rappresenta uno strumento fondamentale per interpretare il rapporto tra moneta, territorio, sovranità e legge, dal momento che gli schemi operativi di queste valute possono differire sensibilmente richiedendo, pertanto, un intervento di vigilanza o normativo di natura profondamente diversa. Oggi nel mondo più di 6 miliardi di euro sono intermediati da valute virtuali, il settore si presenta tanto complesso quanto affascinante, anche considerate le prospettive di risparmio e di guadagno che promette.

La difficoltà del legislatore di intervenire con una prima definizione normativa del fenomeno può, allora, essere compensata da un ruolo più attivo di enti locali, banche e associazioni a tutela dei consumatori ai quali può essere affidato un importante compito di informazione.

Questo progetto intende fornire a questi operatori gli strumenti per svolgere questa attività, aprendo una nuova frontiera nello studio della tutela del consumatore, la quale sempre più spesso è già anticipata a una fase precedente alla conclusioni di accordi contrattuali.

Alcuni fenomeni che interessano la città di Torino segnalano la grande attualità di questa ricerca e, soprattutto, il bisogno di assistere gli enti e i soggetti che saranno investiti dalla diffusione di valute alternative; tra questi

  1. l'installazione a Torino di un "chiosco di valute virtuali" (un "ATM" per bitcoin), che segnala la loro diffusione sul territorio, nonostante non sia possibile fare affidamento su dati statistici che restituiscano l'ampiezza del fenomeno a livello locale.
  2. il venir meno di alcuni strumenti utilizzati dalla città per effettuare pagamenti di prestazione di lavoro occasionale (si pensi per es. all'impatto che l'abolizione dei voucher da lavoro accessorio è in grado di produrre sull'economia della città di Torino) che potrebbe essere superata dall'introduzione di portafogli virtuali e token i quali, in sostanza, aprono all'uso di moneta alternativa virtuale.
  3. il circuito alternativo di pagamenti per transazioni eseguite su aree periferiche urbane che la città di Torino, all'interno del progetto europeo Co-city, finanziato dall'Unione europea nel programma Urban Innovative Action, intende sviluppare con il supporto dell'Università di Torino.

Alla luce di questi scenari e considerato che, in generale, le sperimentazioni monetarie costituiscono un fenomenoin costante evoluzione, consumatori, istituzioni pubbliche, finanziatori e intermediari tradizionali trarrebbero beneficio da uno studio capace di evidenziare le coordinate fondamentali di questo tema. Infatti, nonostante siano numerosi gli atti emanati da autorità pubbliche nazionali ed europee così come i contributi in letteratura (soprattutto straniera), è tuttavia molto difficile orientarsi tra questi materiali, con il risultato che l'argomento risulta ostico non soltanto per i consumatori che usano queste valute alternative ma anche per tutti quegli enti, sia pubblici, sia privati, cui è richiesto di finanziare o sviluppare nuovi progetti connessi a queste nuove forme monetarie.

La mappatura sarà seguita da una ricognizione del quadro normativo, al fine di far emergere i tratti comuni ai diversi interventi che ci sono stati in materia di monete alternative: questa ricognizione consentirà di offrire una prima analisi, supportata da evidenze empiriche, del rapporto con il principio della sovranità monetaria e con la regola della riserva di attività bancaria e finanziaria e, da ultimo, con le tutele consumeristiche.

Linee guida informative e un corso di formazione specifico sui temi brevemente descritti saranno prodotti dal gruppo di ricerca permanente che i proponenti intendono costituire.

 

Last update: 03/07/2019 18:05
Location: http://www.law.unito.it/robots.html
Non cliccare qui!